Tipi di gong

Nelle lingue europee il gong viene indicato anche con il vocabolo tam-tam. Tra i termini gong e tam-tam si è generata una certa confusione, per via del fatto che alcuni tipi di gong vengono chiamati tam-tam.

In realtà quest'ultimo sarebbe uno strumento a suono indeterminato originario della Turchia (nelle fonti orientali non se ne fa riferimento), costituito da un piatto metallico liscio senza bordo ripiegato e senza campana centrale.

 

Di seguito elenchiamo alcune caratteristiche principali di ogni tipologia:

 

Chau Gong

E' il gong più diffuso in occidente, originario principalmente della Cina; è il gong “classico”, con la campana centrale piatta ed il bordo ripiegato. E' il gong utilizzato in orchestra. Ha un suono caratteristico, con molti armonici, molto profondo ed una grande vibrazione (in base alle dimensioni, che possono essere da 7” a 80” cioè da circa 17 cm a 2 m di diametro).

 

 

 

 

Wind Gong

E' meno diffuso, ma molto apprezzato dai suonatori di gong per via della sua vibrazione potente arricchita da una grande presenza di armonici e da un lungo sostegno sonoro; il suo suono viene assimilato al ruggito, ed infatti è chiamato anche "Lion Gong".

La forma è circolare, lievemente ricurva, ma priva di bordo ripiegato.

 

 

 

 

Nipple Gong

E' il gong con la campana centrale protuberante, originario principalmente del sud-est asiatico (Giava, Bali, Indonesia), seppure alcuni provengano dalla regione Himalayana (Nepal e Tibet).

La protuberanza centrale è spesso realizzata con un metallo differente, ed il gong ha due suoni differenti a seconda di dove viene percosso. Ha un chiaro tono risonante ma produce meno armonici rispetto ai Chau Gong.

 

 

 

Gong Planetario

Invenzione del tutto moderna, il gong planetario è di fatto un Chau Gong. Quello che lo caratterizza è la frequenza della sua vibrazione fondamentale. Essa infatti viene finemente accordata in base alla frequenza di un determinato pianeta, secondo gli studi del matematico svizzero e ricercatore musicale Hans Cousto.

La frequenza è il numero di vibrazioni (cicli o periodi) nell'intervallo di tempo; preso ad esempio il tempo di rotazione del pianeta intorno al sole, si considera quel periodo come frequenza del pianeta, e moltiplicando tale frequenza per multipli di due, secondo la legge dell'ottava, è possibile ottenere una frequenza compresa nel campo di udibilità.

 

 

Paiste Sound Creation

Un interessante modello del produttore tedesco Paiste, il Sound Creation è un gong privo di campana centrale, con bordo leggermente ricurvo. La superficie è caratterizzata da una battitura molto evidente e marcata, che gli conferisce un suono “ribelle”, poco gestibile, che tende facilmente a produrre armonici acuti.

Ogni Gong Sound Creation ha il suo carattere sonoro straordinario e particolare. Il suono di questi gong, impressionante e carismatico, contiene una grande ricchezza di emozionanti sensazioni. Grazie alla loro varietà sonora di colori e voci, questi strumenti offrono una vasta gamma di armonici e frequenze.

E' considerato un gong poco stabile, e per questo viene generalmente abbinato a gong più stabili e gestibili come il Chau gong.

 

 

Il gong è uno strumento con tecniche di produzione molto antiche. Viene tradizionalmente prodotto da artigiani orientali secondo metodi tramandati di generazione in generazione. Tuttavia, l'inserimento dello strumento nelle orchestre occidentali, oltre alla sua grande diffusione e all'aumentata richiesta, hanno spinto diverse case produttrici a realizzare varie tipologie di gong.

Le case più conosciute sono: Wuhan, Paiste, Meinl, Ufip, Zildjian, Yuwin, Stagg, Sabian.

 

 

Nota bene: in questo momento è in atto una forte commercializzazione dello strumento, sull'onda della sua grande diffusione nell'ambiente “new-age”.

É importante tenere presente che il gong è uno strumento molto raffinato che richiede una lavorazione molto complessa. In particolare per le tecniche olistiche, è importante utilizzare gong che suonino con grande precisione, profondità e ricchezza in armonici.

 

Nota sui materiali di costruzione: i gong vengono realizzati con leghe metalliche, come ad esempio l'ottone ed il bronzo, le quali vengono scelte per le loro proprietà di vibrazione acustica.

Ricordiamo che le tecniche di costruzione sono molto antiche, ma che diverse case di produzione stanno realizzando gong con le più moderne tecniche, ottenendo strumenti meravigliosi.

Evita di pretendere che il tuo gong sia completamente lavorato a mano, rischierai di avere un oggetto di antiquariato orientale, anziché uno strumento sonoro.

Inoltre, evita di pretendere il "gong dei sette metalli".