Suonare il gong

Il gong è uno strumento musicale a percussione, e fa parte della famiglia degli idiofoni.

E' costituito da un piatto metallico di forma circolare, con il bordo ripiegato o non a seconda della tipologia. Alcuni gong, in particolare di provenienza orientale, possiedono anche una protuberanza, o campana, in corrispondenza del centro.

 

Ne esistono di diverse tipologie, ma perlopiù quando si parla di gong si fa riferimento ad uno strumento a suono determinato.

Viene suonato percuotendolo con mazze di diverso peso e dimensione. Le mazze più pesanti danno la possibilità di ottenere i suoni più gravi e profondi, e vengono utilizzate per i gong di grandi dimensioni. Le mazze più leggere permettono di ottenere risonanze e vibrazioni più acute, e si utilizzano su tutti i tipi di gong, in particolare su quelli di medie e piccole dimensioni.

Ogni mazza permetterà di ottenere diversi tipi di sonorità con lo stesso gong.

Il suono del gong è caratteristico, estremamente dinamico, permette escursioni dal pianissimo al fortissimo, con grande fluidità espressiva, come fosse un'onda del mare.

E' conosciuto per il suono forte, fragoroso e suggestivo, in particolare per l'effetto splash, un'esplosione sonora che si espande.

In ogni caso, nell'utilizzo olistico in terapia vibrazionale, non è questa la sua caratteristica principale.

 

L'onda sonora del gong, con la sua grande risonanza, è in grado di mettere in vibrazione tutti i nostri corpi energetici, dal piano fisico ai livelli più sottili. Per questo, nell'esecuzione, è necessario controllare e gestire il suono, in modo tale da creare una dimensione sonora che favorisca i processi di trasformazione e auto-guarigione all'interno di chi riceve.